Scegli il nome dei nuovi treni: Soffio, Jazz o Arcobaleno?

Ogni giorno 2,9 milioni di passeggeri salgono su un treno che li porterà a scuola, all’università o al lavoro. Fra il 2011 e il 2013, come spiega Legambiente, ” il taglio ai servizi ferroviari e’ stati pari al 21% in Abruzzo e Liguria, al 19% in Campania. Mentre il record di aumento del costo dei biglietti dal 2011 ad oggi e’ stato in Piemonte con + 47%, mente e’ stato del 41% in Liguria, del 25% in Abruzzo e Umbria, a fronte di un sertreno-affollatovizio che non ha avuto alcune miglioramento”.Tra le dieci linee da incubo in Italia troviamo al primo posto la Circumvesuviana, poi la Roma-Nettuno e poi le 13 linee tagliate a Torino.  E milioni di pendolari che si sentono “viaggiatori di Serie B” con il trasporto regionale associato, nell’immaginario collettivo, sempre più spesso alle parole “inferno”, “carro bestiame”, “sardine”.

Un po’ di dati per introdurre  le tre proposte che Trenitalia ha lanciato nel sondaggio per scegliere il nome di 70 treni regionali che saranno forniti nei prossimi mesi alle Regioni, partendo da Marche e Umbria e poi Piemonte, Abruzzo, Calabria, Lombardia e Lazio.

A me piace soprattutto la terza: “Soffio”, scelto perché “evoca la sensazione di un viaggio comodo, confortevole e leggero”.

E poi Arcobaleno: racchiude i concetti di ecosostenibilità e armonia guardando al futuro e proponendo un servizio di trasporto ecosostenibile.

E Jazz: la musica linguaggio universale che tocca gli animi e aiuta a comunicare valori connessi al dinamismo, alla positività, al movimento.

Si può votare sul sito http://www.trenitalia.com. Ma prima chiedete a quel pendolare della Roma-Nettuno, che torna a casa dopo una giornata di lavoro e ritardi, e un viaggio trascorso in piedi pigiato contro la porta del bagno se è davvero passato in un Soffio.

Annunci

Informazioni su GerardoAdinolfi

Gerardo Adinolfi è nato nel 1987, è giornalista professionista da dicembre 2011 e lavora per Repubblica, a Firenze. Ha scritto un libro sul giornalismo investigativo "Dentro l'inchiesta" e l'ebook sulle croniste minacciate "La donna che morse il cane". Collabora con Ossigeno per l'Informazione, l'osservatorio sui cronisti minacciati diretto da Alberto Spampinato
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...